Arianna Chieli

BLOG

Ebbene si, queste cose non accadono solo nei film in costume. Sono qui con le tette fasciate, compresse da garze elastiche nel disperato tentativo di ricacciare indietro il latte, visto che ho finito di allattare il piccolo Leo. Inoltre non posso bere, o bere meno possibile. E non bere è moooolto più difficile che non mangiare. E’ l’ultimo capitolo di una saga che mi ha vista passare dalla 42 alla 50, e viceversa- non ancora del tutto ma la strada è quella-, riempirmi di smagliature, far uscire qualcosa del diametro di un melone, anzi no nel mio caso di un’anguria, da un buco concepito per per far passare al massimo qualcosa del diametro di un cetriolo, squamarmi i capezzoli come una lucertola, perdere i capelli. Certo, poi son soddisfazioni, ma perchè la parte dura tocca sempre a noi donne? !! Se mio figlio si azzarda a dire qualsiasi altra parola prima di MAMMA lo strozzo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *