Arianna Chieli

BLOG

Datemi l’urbanista che ha progettato i parchi giochi per i bimbi di Milano. Anzi portatelo in uno dei giardinetti della zona sud , magari verso le 6 del pomeriggio in mezzo a un nugolo di mamme incazzate, che volevamo chiedergli un paio di cosette.
La prima è: ma sei cieco o sei termorepellente? Sei allergico agli alberi? Ti piace prendere il sole in testa a qualsiasi ora?
No perchè questi parchetti del menga non si possono frequentare finchè non va giù il sole! Non c’è un albero manco a pagarlo oro, che sembra di stare a Dubai invece che a Milano. La seconda è: ma se recinti i parchi per i cani, che qui hanno molti più diritti dei bambini, non ti viene in mente che magari potrebbe essere più sicuro mettere, che so, un cancelletto anche per evitare che i pargoli scappino? Poi un quesito sorge spontaneo: chi progetta i parchi giochi, li ha mai frequentati? Io credo di no. Chiunque abbia un nanetto/a sa che il gioco più ambito è l’altalena. Perchè una sola o al massimo 2?
Cosa costa metterne qualcuna in più?!!!
Vorrei tanto vedere il progettista alle 2 del pomeriggio di un’assolata giornata di settembre con suo figlio che vuole andare sull’altalena, ma ce n’è solo una e tutti piangono per andare, intanto passano cani e porci in motorino perchè l’area non è recintata e morire che ci sia mai un vigile (tutti impegnati a dare multe x divieto di sosta)! E cher non ti venga in mente di avere sete, che una fontanella era troppo lusso! Urbanista, sei proprio un cazzone incompetente, lasciatelo dire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *